La mia mente è un surreale bistrot dove ogni parola diventa mestiere.
All’ora dell’aperitivo sono un barman. Preparo cocktail a personaggi senza autore che esistono solo nei sogni e nelle conversazioni.
A notte fonda sono un croupier. Mischio furtivamente le carte per tirare fuori pagine stupende da libri ancora inesplorati.
A pranzo e a cena sono un cuoco. Mi sporco le mani con tegami fumanti alla scoperta di ricette imprevedibili.
So che di tutte le idee in forno, le head in lievitazione e le body a cottura lenta solo una, la migliore, arriverà fino in tavola.
Per questo prima di servire aggiungo sempre quel pizzico di follia che rende ogni boccone indimenticabile.

Ora che conosci la mia mente, guarda il mio book. Vedrai il mio cuore.